Presentazione

Il secondo decennio del XXI secolo si apre all’insegna di una nuova centralità dell’area mediterranea. Ancora una volta, in questa regione si confrontano le principali strategie geopolitiche del dopo-guerra fredda, alla ricerca di un nuovo equilibrio nei rapporti Est/Ovest e Nord/Sud, ma al tempo stesso emergono nuove domande di libertà e di progresso, non solo in forma di rivendicazione sociale, ma anche in forma di affermazione di vie diverse allo sviluppo e allo stato di diritto, non riducibili agli schemi euro-statunitensi, anche se non necessariamente in conflitto con questi.

 

La Kore è l’Università italiana più vicina, non solo dal punto di vista geografico, al Nord Africa e al Medio Oriente e ha un’originaria vocazione alla comparazione politica e giuridica e al dialogo interculturale tra il Sud e il Nord del Mediterraneo, tra l’Europa e il mondo arabo-islamico, tra la cultura anglo-americana e quella euro-mediterranea. Nel suo Statuto di autonomia, all’art. 3, leggiamo: «L’UKE è istituita con lo scopo di rendere effettivi e concreti la cooperazione internazionale e il rapporto tra le storie, le culture, il patrimonio scientifico delle diverse sponde del bacino del Mediterraneo, da una parte, e la ricerca e la formazione universitaria, dall’altra. In particolare, all’UKE è   assegnato il compito di implementare questo rapporto e di finalizzarlo allo sviluppo sociale, economico e scientifico dei singoli cittadini e delle popolazioni». Su queste basi nasce SKAI / CENTRO STUDI KORE SUL COSTITUZIONALISMO ARABO E ISLAMICO. Il Centro intende essere un luogo di coordinamento di ricerche tese soprattutto alla comparazione giuridica e politica, ponendo particolare attenzione allo sviluppo delle dinamiche costituzionali nei Paesi di tutto il Nord-Africa e del Medio-Oriente, sia pre-esistenti che successive agli avvenimenti della cosiddetta Primavera Araba. Lo studio comparato, da svolgersi in chiave tanto sincronica che diacronica, dei sistemi politici e giuridici sarà finalizzato alla costruzione di nuovi modelli di governance globale per la diffusione della democrazia costituzionale, in un rapporto interattivo con le tradizioni culturali, politiche e religiose di ciascun Paese, e in uno spirito costruttivo e aperto al confronto. SKAI suona, non a caso, come “cielo”: si fa riferimento al cielo che sovrasta il Mediterraneo, questo “piccolo mare” nel quale si “specchia” l’intera storia della civiltà.

 

I percorsi di ricerca attivati nell’ambito del Centro Studi avranno carattere interdisciplinare e saranno basati sulla collaborazione continua con altre Università, Centri Studi, Enti pubblici e Privati e Istituzioni varie, governative e non, ubicati nel bacino del Mediterraneo.

 

Le ricerche saranno, altresì, volte all’individuazione di possibili percorsi legislativi e istituzionali, ai vari livelli di governo, per la gestione della società multi-etnica, nel contesto italiano. Per questo, particolare attenzione sarà riservata ai problemi giuridici connessi al fenomeno migratorio e alla stabilizzazione delle comunità di immigrati in Italia.

 

Tra i risultati attesi, sul versante scientifico, un posto di primo piano spetta alla comparabilità del diritto euro-americano e il diritto islamico, con particolare riferimento alle esperienze giuspubblicistiche. Tale comparabilità rappresenta, sul piano metodologico, la premessa per un’attività di ricerca, di svilupparsi sempre all’interno del Centro, volta a sostenere l’unitarietà dell’esperienza giuridica e, in particolare, dell’esperienza della costruzione dello “spazio pubblico”, ferme restando le differenze dovute alle diverse tradizioni culturali, religiose e civili. In questo senso, la comparazione Islam e Occidente, sul piano giuspubblicistico, non può non incorporare una ricerca sulla crisi del modello stato-centrico e sull’emergere di istanze di tipo comunitari stico, in passato ritenute estranee alla cultura occidentale, e che oggi invece godono di numerosi riconoscimenti, sia sul piano legislativo sia sul piano giurisprudenziale (oltre che dottrinale). L’attività del Centro, in questo senso, è animata dalla fiducia nella possibilità che, attraverso l’analisi comparata dei sistemi, si possa contribuire alla circolazione dei modelli e delle esperienze giuridiche, contribuendo, per questa via, al dialogo tra le diverse culture e alla crescita di una comune cultura dei diritti e della solidarietà.

Contatti

Università degli Studi di Enna "Kore" - Cittadella Universitaria 94100 Enna info@unikorestudent.it

I nostri uffici sono aperti con orario continuato:

Da lunedì a venerdì 8:30 - 18:00
Sabato 8:30 - 13:00

Follow us

Seguici sui canali ufficiali dell'Università, rimarrai aggiornato in tempo reale sul mondo Kore
Su Facebook, Twitter e gli RSS feeds.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza e offrire servizi in linea con le preferenze degli utenti.